Magici intermezzi nel fitto programma del Festival, gli aperitivi musicali sono accompagnati dalle performance di artiste e artisti, che anticipano e preludono alle attvità successive

Pubblicato in Terza giornata

Il Concerto Rock finale si svolgerà nella serata di sabato 27 maggio e sarà aperto alla cittadinanza.

Pubblicato in Terza giornata

La colazione è servita al bar dell'area naturista, nell'area piscina.

Pubblicato in Quarta giornata

Nel pomeriggio di domenica tutti alla Bassona per salutare il festival naturista 2017 e propiziare NatFest 2018.

Per poi mestamente avviarsi verso casa (salvo coloro che avranno deciso di restare ancora un po')

Pubblicato in Quarta giornata

Non mancheranno al Festival Naturista le iniziative culturali: presentazione di libri, tessi di laurea, editori.

Rigorosamente in tema di naturismo.

Pubblicato in Quarta giornata

Fulvio Bertolino è artista a tutto tondo. e' musicista, ma anche scrittore, per giunta naturista. Al NatFest 2017 presenterà il suo libro, autobiografico, che racconta la sua esperienza naturista alla Bassona.

Con licenza linguistica si può definire questo lavoro di Fulvio Bertolino un memoir di formazione, un racconto in cui un uomo di quasi quarant’anni matura nuove idee e consapevolezze, in parallelo a fatti e incontri narrati in prima persona.
Attraverso storie vissute sulla spiaggia della Bassona, il protagonista si confronta con le paure, le attrazioni, i pregiudizi collettivi e per molti versi – lungo le vie della ragione e dell’umanesimo – se ne affranca, spogliandosi sia dei propri abiti che delle proprie abitudini (anche di pensiero).
La spiaggia della Bassona è uno dei luoghi più misteriosi e vergini del litorale ravennate e continua ad attrarre frequentatori di fede naturista, visitatori curiosi, ma anche tanti neofiti che qui cercano una spiaggia libera che si distacchi dal resto e il superamento delle proprie abitudini balneari.
Nel libro, tra ricordi e digressioni analitiche, si dipanano vicende narrate con onestà e limpidezza, fino ad apparire talvolta ingenue, immerse in una purezza giovanile resistente, che anziché sbiadire si impone all’avanzare degli anni.
L’autore incontra la Bassona per la prima volta nei primi anni del 2000, quando la spiaggia vive un momento di forte richiamo popolare per l’immaginario trasgressivo che si è diffuso nei decenni addietro.
Si inoltra tra spiagge e pinete, tra compagnie di nudisti e club privé con animo puro e sguardo preciso, sempre lucido. Dà corso a una sorta di iniziazione non solo al nudismo e ai nuovi costumi sessuali che incontra, ma anche ad una “nuova visione” sulle libertà altrui e le necessità delle proprie. Questo colpisce del lavoro di Fulvio Bertolino, la capacità – talvolta estremizzata – di fermarsi in bilico tra narrazione e analisi critica di quanto i fatti stessi gli scatenino nell’intimo, innescando considerazioni e analisi che lo riportano alla
sua realtà, la città di Ferrara.Riviviamo assieme a lui i dubbi, le contraddizioni e le possibili conclusioni rispetto a quanto di straordinario gli accade nel teatro naturale della spiaggia, dove personaggi precari o insospettabili, sorprendentemente umani o bestiali, si avvicendano intessendo la trama complessa di una ricerca che non sacrifica nulla alla semplicità.Da romagnolo, riconosco il sentimento di attrazione/repulsione che suscita la Bassona: l’esotismo degli arenili e la voluttà liberatrice di una spiaggia che si espone anche ad appostamenti voyeuristici o ad incontri imbarazzanti. Questo aspetto compare anche nel lavoro di Bertolino, senza il peso di “decreti morali”, con un certo sforzo di misura e di indulgenza.
Grazie alle battaglie di un’associazione naturista (ANER di Ravenna), parte di quanto l’autore auspica nel suo racconto è divenuto realtà: la difesa, legale ed istituzionale delle libertà e delle espressioni di un gruppo umano via via crescente, in un ambiente già tutelato nella sua ecologia, nel rispetto di tutti, inclusi i cosiddetti “tessili” non praticanti nudismo, che possono serenamente frequentare la spiaggia coi loro costumi di fibra, secondo i propri costumi di vita.
Il racconto di Fulvio Bertolino ha un andamento circolare; si apre con un film evocativo di quanto accadrà e si conclude con un sogno allegoria di quanto ha voluto dirci: un deltaplano sorvola la Bassona; partecipa della vita e della bellezza del luogo librandosi in cielo, a una certa distanza; è la distanza delle analisi più lucide che compie l’autore su se stesso e sul rapporto con gli altri, ma anche la distanza che egli cerca dai suoi pregiudizi, dalle sue paure sconfessate.
 Segna intensamente questo lavoro, la capacità di osservare con occhi adulti i diversi scenari della vita in Bassona, raccontandoli con il linguaggio fragile e intrepido dell’adolescente Sinclair di Hermann Hesse; come nel Demian dell’autore tedesco, anche in questa storia il protagonista si affida ad un Io nascosto che egli ritrova e ascolta, verso una vita improntata al Sé, ampliata, creativa e pur sempre volubile.
La Bassona Nuda è un libro in cui lo scarto tra l’osceno e il vero (naturale) riesce ad annientarsi, portando il lettore oltre l’effetto nudo, le ovvietà e le dicerie che riducono il senso e la storia di questa spiaggia.
 

 

Pubblicato in Libri

 

E sei! Siamo giunti alla sesta edizione del Festival Naturista, che si conferma ormai appuntamento fisso e irrinunciabile per l mondo nudo-naturista italiano.

Il Festival naturista è una grande festa di inizio stagione, una gioiosa occasione di incontro tra tutti coloro che fanno del naturismo il proprio modus vivendi.

L'edizionedi quest'anno si svolgerà dal primo al 7 luglio 2019 presso il Naturist Sporting Club in Puglia, magnifico resort naturista ubicato sul Parco del Gargano, in comune di Ischitella.

Un altro corpo è possibile è il tema costante del Festival Naturista, che propone la ricerca di una dimensione del corpo libera non solo dai vestiti, ma anche dai condizionamenti estetici e culturali imposti dalla società dei consumi.


Esso nasce per iniziativa della rivista Vita Naturista Magazine con lo scopo di promuovere il naturismo e i suoi valori positivi presso il grande pubblico e le istituzioni, in tutte le sue espressioni.

Il Festival naturista è un appuntamento annuale ed è itinerante, si svolge cioè volta per volta in regioni diverse, preferibilmente in strutture turistiche che naturiste non sono.

La prima edizione del festival si è svolta Capalbio dal 16 al 18 maggio 2014; la seconda a Marina di Camerota. dal 21 al 24 maggio 2015; la terza ad Orbetello dall'8 al 12 giugno 2016;la quarta dal 25 al 28 maggio 2017 al Camping Classe del Lido di Dante;la quinta di nuovo al Lido di Dante dal 31 maggio al 3 giugno 2018. 

Il Festival naturista è dedicato a tutti coloro che hanno sposato o intendono avvicinarsi al naturismo e alla sua filosofia di vita, le associazioni o i gruppi nudo-naturisti e le singole persone che danno forza e vitalità al nudo naturismo italiano, senza distinzioni di appartenenza.

Per sua stessa natura il Festival è aperto a tutti e prescinde dalle appartenenze politiche, associative, ideologiche e religiose.

Il Festival è un evento per tutti, per grandi e piccoli, single e famiglie.

 

Pubblicato in Info


L'edizione 2019 del Festival Naturista si svolgerà nel Gargano, in un contesto naturalistico e paesaggistico di staordinaria bellezza, presso il Naturist Sporting Club, storico resort naturista aderente alla Federazione Naturista Internazionale.

Link utili

Parco Nazionale del Gargano

Turismo nel Gargano 

Turismo in Puglia

Pubblicato in Info
L’Emilia Romagna vanta un'antica tradizione naturista: è stata infatti la prima regione italiana a dotarsi di una legge che riconosca, incentivi e promuova il turismo naturista.
Emilia Romagna vanta un’antica e consolidata tradizione di ospitalità per coloro che detestano il costume da bagno.
 
Diverse sono infatti le ottime e qualificate strutture naturiste presenti in questa regione, che vanta peraltro magnifiche spiagge, di mare e di fiume, attivamente frequentate: il Lido di Dante, ad esempio, con la sua storica spiaggia della Bassona, è divenuta ormai una vera e propria destinazione turistica naturista di livello europeo, caso unico in Italia, in cui il naturismo contribuisce non poco alla sua economia.
 
Ciò non è avvenuto per caso: l’Aner - Associazione Naturista Emiliano-Romagnola, ha attivamente contribuito all’affermazione del naturismo in questa regione; ad essa, in particolare, si deve la formulazione della stessa legge naturista regionale. Ad essa si deve l'stituzione e la promozione della spiaggia naturista della Bassona, al Lido di Dante.
 
Perché il naturismo in Emilia Romagna è targato ANER!...
 
Venire al Festival Naturista 2017 sarà dunque per te un'occasione per conoscere una regione davvero speciale.
 
LE ASSOCIAZIONI E I GRUPPI NUDO-NATURISTI
 
 
 
LE SPIAGGE (vedi la mappa in basso)
 
  1. Lido di Dante
  2. Lido di Volano
  3. Fiume Trebbia

Le strutture recettive (vedi la mappa in basso)

  1. Camping Classe
  2. Ca' Le Scope
  3. Oasi di Zello
  4. Agriturismo del Cimone
Pubblicato in Info

La più orientale delle regioni italiane vanta uno sviluppo costiero di ben 800 km, che dalle bianche falesie del Gargano e delle Tremiti si estende oltre il Salento con le sue maestose dune, per sfumare nelle tranquille spiagge della costa jonica.

In questo magnifico ambiente mediterraneo non mancano strutture turistiche e spiagge che offrono occasioni di vacanze naturiste davvero uniche, che si concentrano soprattutto nell’area garganica: sono qui presenti uno storico campeggio naturista, nonché ben due case vacanza, che offrono un’ottima accoglienza nella proverbiale ospitalità della gente di Puglia; e sul Gargano vi è anche la magnifica spiaggia naturista di San Menaio.

Intorno a tanto mare non mancano poi altre spiagge e calette in cui spogliarsi in tutta tranquillità: si tratta di luoghi discreti, lontani dai clamori del turismo balneare, spesso di non facile accessibilità. Proponiamo quindi una selezione delle mete naturiste pugliesi più consolidate.

La Puglia vanta anche un ricchissimo patrimonio di storia e di cultura, nonché paesaggi eletti al rango di patrimonio mondiale dell’umanità: essa offre pertanto al turista infinite possibilità per una vacanza scoperta delle sue antiche tradizioni, ancora per buona parte da scoprire.

 
L'ASSOCIAZIONISMO Naturista
 

A.N.AP - Associazione Naturista Pugliese 

LE SPIAGGE
Elenchiamo di seguito le principali spiagge a tradizionale frequentazione naturista, benché non ufficiali.
  • San Menaio - Comune di San Menaio (FG)
  • Vignanotica - Coune di Vieste (FG)
  • Torre Guaceto - Comune di Carovigno (BR)

Le strutture recettive

Naturist Club del Gargano

Resort naturista Grottamiranda

Pubblicato in Info
Pagina 3 di 6

Questo sito fa uso di cookies, Navigando accetti.